IL GRANDE CORTILE 2016 – 2017


Stiamo attraversando un momento di straordinaria creatività, dentro e fuori la Valle di Susa,  paragonabile – forse – solo al 2005. Crediamo che questo sia dovuto al sommarsi di tanti eventi
dirimenti - dalla difesa della Carta (a proposito, ma è proprio la stessa per noi e per il procuratore della Repubblica di Torino?...) - a una nuova e finalmente assai più ampia consapevolezza della inconciliabilità tra finanziamento di Grandi Opere e difesa del territorio. Una consapevolezza che la drammatizzazione del NO alle Olimpiadi di Roma2024, scelta dai cronisti della “Calcestruzzi-Editori Riuniti” ha reso paradossalemente ancor più chiara: perché è legittimo sospettare che il gran rifiuto di Virginia Raggi sia stato vissuto non solo come lo sfuggire di mano di una entrata già messa a bilancio dalla “lobby del mattone”, ma  come il possibile avvio di un effetto domino perché saremo presto chiamati a scegliere se gettare le sempre più magre risorse nel calcestruzzo di pochi o nella messa in sicurezza di tutti.

Exporto 2022 - la grande opera definitiva

Venerdì 30 ottobre 2015 
ad Avigliana   

Teatro Fassino 
Via IV Novembre 19 alle ore 21

Sistema Torino, 
in collaborazione con il comitato spontaneo NoTav di Avigliana, 
all'interno de Il Grande Cortile
e con il patrocinio della Città di Avigliana

vi invitano all'incontro con:
Domenico Finiguerra, Daniele Gaglianone, Claudio Giorno e Maurizio Pagliassotti
per:
Exporto 2022
la grande opera definitiva










I grandi eventi e le grandi opere viste con uno sguardo grottesco e paradossale. Un nuovo partito politico riesce, grazie all'appoggio dei massmedia, a proporre alla popolazione "la grande opera definitiva": l'Exporto, il mare nella pianura padana e una rivoluzionaria rete di porti marittimi nelle maggiori città del nord Italia. Exporto 2022, la rappresentazione irreale della realtà